Archivio per Categoria Blog

DiLorenzo Pierobon

Vivere consapevolmente il presente per attuare il cambiamento futuro

Spesso bastano cambiamenti minimi per iniziare a risolvere grandi problemi e, una volta innescato il cambiamento, questo viene portato avanti in maniera spontanea.
Apportare un piccolo cambiamento alla nostra vita, per quanto la situazione che attualmente stiamo vivendo possa essere difficile e complessa, può portare a differenze profonde e di vasta portata nell’ambito della nostra vita e di tutte le persone coinvolte.
Strategia tramandata da diversi popoli,
in Oriente nota come “Metodo Kaizen” (vera e propria filosofia di vita), la tecnica dei piccoli passi consiste nel concentrarsi e focalizzarsi sul più piccolo e apparentemente innocuo intervento da realizzare, il quale sarà seguito dal secondo, e così via.
Si possono raggiungere grandi obiettivi con la tecnica dei piccoli passi!
Non dimentichiamo che il modo in cui vediamo i problemi, influenza il modo in cui ci approcciamo ad essi.
Piccoli passi, grandi risultati.
Un obiettivo ben formulato deve essere piccolo, alla portata della persona che lo formula.
Il futuro è imprevedibile, non è possibile fare un piano a lungo termine, oggi più che mai. Ponendosi obiettivi piccoli abbiamo, invece, la possibilità di correggerci strada facendo.
Se vogliamo cambiare le cose, possiamo aiutare alcuni attori del sistema a cambiare il proprio atteggiamento nei confronti di una determinata situazione: un piccolo cambiamento in un preciso ambito, può provocare profondi cambiamenti in molti altri contesti della vita (effetto farfalla – Butterfly effect).
Con il concetto di effetto farfalla si vuole spiegare come le piccole azioni e le scelte del singolo possano portare a cambiamenti molto grandi nella società in cui viviamo.
Grazie all’effetto farfalla, i piccoli gesti possono migliorare la nostra vita.
L’ effetto farfalla può aiutare a non rimandare, a VIVERE IL PRESENTE e a cercare di esprimere le proprie idee e i propri sentimenti per non avere rimpianti, e a compiere i primi passi di un percorso che potrebbe portare a grandi cambiamenti, più di quanto possiamo immaginare nel momento presente.

Dott.ssa Stefania Mattia, Professional Counselor
Facebook: Stefania Mattia – Counselor Olistico, stefania_mattia@msn.com

Dopo un lungo percorso in ambito giuridico e di Mediazione civile, il desiderio di comprendere l’animo umano e le recondite ragioni del suo agire, la spingono ad intraprendere la via del Counseling (Metodo Rogersiano) nel 2006 e ad arricchire costantemente le proprie conoscenze (Costellazioni Familiari Sistemiche, metodo B.Hellinger) ed esperienze professionali ed umane. Si avvale di tecniche che operano sia sul disagio psicologico vissuto in un determinato momento della vita, che sul recupero del ben-essere fisico ed energetico (Bioenergetica, Reiki, Cristalli).
Autrice del libro “Racconti di Lamu. Diario di una Counselor” (Edizioni Ensemble)

DiLorenzo Pierobon

Il primato dell’incertezza

Inauguriamo in questo spazio la nuova rubrica: GLI OSPITI DEL PIEROBLOG. Ho chiesto ad amici, colleghi, professionisti con cui collaboro di scrivere articoli per il mio blog, con l’intento di condividere i saperi e di “fare rete”.

 

di Andrea Spatuzzi, settembre 2020

Prima del Covid 19 le società mondiali non godevano di buona salute e c’era una situazione critica ed incerta. Eravamo in allarme terrorismo, in crisi economica, con un pianeta sempre più inquinato e in piena rivoluzione digitale, che sta mutando rapidamente costumi e atteggiamenti.

Con il Covid 19 tutto si è reso ancora più critico e si ha la sensazione che il sistema che guidava il mondo, quello mercantile-consumistico e fondato sullo sfruttamento indiscriminato delle risorse naturali stia saltando per aria, non funzioni più. Non si sa comprendere il presente, non si sa dove andare e regna una buona dose di caos e, quindi, di incertezza.

Non è la prima volta che l’essere umano si trova di fronte ad un periodo storico di rottura, rivoluzionario e per questo fortemente incerto. Ma questi momenti hanno permesso il passaggio dal vecchio e ormai inadatto al nuovo, che poi ha rappresentato il futuro.

Credo che oggi ci troviamo nuovamente in un periodo simile ma anche molto differente, soprattutto per una questione importante e nuova: questa crisi ci coglie in un momento storico in cui nessuna “forza esterna” ci può aiutare come fu per il passato, quando spiritismo, religione, politica e scienza sono stati utili a comprendere cosa accadeva intorno alle persone e a progettare il futuro.

Infatti, l’aggiunta del Covid 19 nel minestrone della crisi già presente ha fatto cadere l’ultimo sistema che ci dava fiducia nei riguardi dell’incertezza della vita, che era rappresentato dalla scienza e dalla tecnologia, che credevamo capaci di risolvere i problemi e di definire il futuro.

La scienza e la tecnologia invece non sono riuscite a prevedere il virus (per alcuni ne sono la causa), non riescono a capirlo (almeno per ora), non sanno dire con certezza se e come potranno difenderci, né preservarci nel futuro.

Per questo la crisi di oggi si configura profonda, poiché tocca i costrutti personali sui quali abbiamo costruito la fiducia sul presente e sul futuro e che nel passato ci aiutavano ad uscire dall’incertezza.

Questo fa sì che oggi ci sentiamo deboli e vulnerabili rispetto all’esistenza poiché ci manca il materiale interno per dare un senso all’esperienza, che si è fatta incerta, ma che comunque deve essere vissuta e progettata. Recentemente confidavamo nella scienza e nella tecnologia, ora molto meno, e questa privazione interna, dentro di noi, dove non abbiamo più un “Dio” che ci orienta, da profondità all’incertezza e ci rende più insicuri e paurosi. In questa crisi, l’incertezza che l’accompagna è prima di tutto dentro di noi.

Un’incertezza che sembra fondarsi su un vuoto che ancora una volta va riempito. Ma come fare?

Una prospettiva possibile è quella di mettere al centro l’incertezza stessa, proprio quella che ci sta pervadendo. In questo senso, si da primato all’incertezza rispetto ad un atteggiamento diverso e storico, che la vuole dominare, controllare e, se non riesce, la nega. Invece mettere al centro l’incertezza della vita significa affrontarla in una modalità aperta, espansiva ed esplorativa, percorrendo la via della vita in modo da affinare continuamente gli strumenti che permetto di sostenere anche il disagio e le ansie dell’incertezza stessa. L’incertezza come punto di arrivo nel percorso della vita e non più come punto di partenza.

In questa prospettiva la crisi può essere superata con originalità se riusciamo a puntare sullo sviluppo personale di tutti quegli strumenti che aiutano ad utilizzare l’incertezza come motore della vita, come spinta a scegliere una buona vita, in tutti i momenti nel mare delle incertezze, e riuscire così a fare storia di sé nonostante tutto.

Andrea Spatuzzi:  psicologo, psicoterapeuta, psicoanalista
www.andreaspatuzzi.it 

DiLorenzo Pierobon

Il diario della Voce

Una delle richieste che riscuote più interesse tra le persone che intendono intraprendere un percorso individuale di conoscenza e crescita personale attraverso la Voce è quella del “diario”.

Personalmente ritengo che il diario sia un formidabile strumento, che accompagna durante il percorso, ma che riveste un’utilità ancora più profonda al termine della relazione terapeutica.

Entrare in contatto profondo con la propria voce implica spesso trovarsi di fronte a blocchi o eventi traumatici che hanno avuto luogo nel corso della nostra esistenza, e che spesso si ripresentano sotto forme che non riusciamo a riconoscere immediatamente, ma che possono influenzare il nostro modo di relazionarci con il mondo. Il diario della Voce, diventa un modo utile per mettere “nero su bianco” i nostri pensieri, le emozioni che stiamo vivendo, le paure, ma anche le intuizioni, i progressi, gli obiettivi raggiunti, i talenti che abbiamo riscoperto, i sogni che vogliamo realizzare.

Il diario nel tempo prenderà forza e quando lo rileggeremo, potremo tracciare a ritroso la rotta di un viaggio interiore, dal punto di arrivo al punto di partenza, ripercorrendo nella memoria e nelle emozioni tutto il nostro vissuto e il modo in cui abbiamo superato gli ostacoli e elaborato le nostre sofferenze,

La scrittura spesso può essere vissuta come un ostacolo, ecco perché invito a redigere il diario utilizzando anche altri modi: il disegno, la poesia, gli aforismi, il collage, la registrazione digitale, i video… e così capita spesso che un diario si possa trasformare in opera d’arte. Eccone un esempio.

 Lorenzo Pierobon©

 

 

 

DiLorenzo Pierobon

Movimento del corpo movimento della Voce

Muovere la voce significa entrare in contatto profondo con il nostro corpo e non solo con l’apparato fonatorio preposto alla emissione vocale. Il metodo VHM, prevede spesso l’utilizzo della voce in sinergia con movimenti o posture statiche per migliorare l’efficacia della propria performance artistica, per acquisire strumenti utili a creare un proprio stile o semplicemente per favorire una corretta e salutare emissione vocale.
Le tensioni muscolari ostacolano il respiro e non lo rendono funzionale alla libera espressione vocale, ecco perché VHM si focalizza su tre aspetti fondamentali: propriocezione corporea (posizioni), percezione dei processi mentali e fisiologici, propriocezione respiratoria (respirazione), per guidare il “sistema” verso una ritrovata unità corpo/voce.

Lorenzo Pierobon©

Disegni di Stefania Mattia

 

DiLorenzo Pierobon

Humming vocale per migliorare la respirazione e alleviare i sintomi della sinusite

L’humming  consiste nel mormorare  una “M”, prolungarne il suono con le labbra socchiuse (senza serrarle) e gli angoli della bocca  leggermente sollevati. E’ uno dei suoni più semplici e naturali che si possano emettere con la nostra voce.

Gli effetti di questa semplice pratica sono conosciuti a chi si occupa di voce: induce calma, riduce la frequenza cardiaca e il ciclo respiratorio, riscalda le voce e la prepara ad un uso prolungato, stimola la neuroplasicità e la propriocezione. Personalmente utilizzo questo esercizio  in combinazione con la consonante N in alternanza alla M introducendo anche un movimento masticatorio durante il vocalizzo ed associandolo alla tecnica della “Voce ellittica” per ottenere una ulteriore “spazializzazione” del suono.

Studi recenti condotti presso l’Istituto Karolinska University in Svezia dimostrano che questa modalità di emissione vocale  porta ad un considerevole  aumento del flusso d’aria nei seni nasali; inoltre i livelli di ossido nitrico (NO) aumentano da 15 a 20 volte col l’humming rispetto all’espirazione silenziosa. L’ossido nitrico è noto per essere una sostanza antivirale e antibatterica. Di solito una respirazione compromessa porta a una cattiva circolazione dell’aria e a una bassa pressione nel naso e nei seni nasali, creando così un ambiente adatto alla proliferazione  batterica e alle infiammazioni.

L’humming quindi potrebbe quindi avere un effetto positivo sulla sinusite riducendone i sintomi, questo praticando costantemente esercizi che prevedano 60-120 ripetizioni per tre, quattro volte al giorno, in questo modo i sintomi della sinusite cronica possono ridursi drasticamente. 

Ecco i link visionare i documenti  (inglese

Karolinska University Press 2006 full text

European Journal of Clinical Investigation

DiLorenzo Pierobon

Asclepeion il tempio della Voce

In questo tempo “sospeso” abbiamo sperimentato diversi stati, raccoglimento, silenzio, paure, morte e rinascita; Elaborare queste emozioni significa trarre un prezioso insegnamento che possa dare luogo a una reale nuova “nascita”. Per fare questo abbiamo bisogno di prenderci cura di noi stessi, di trovare un luogo (anche fisico) che possa permetterci di trasformare tutto ciò e di metterlo a disposizione per effettuare un salto di qualità in questa nuova esistenza.

Credo fermamente che utilizzare la Voce come “strumento sacro”, unita alla forza della presenza e dell’intenzione possa contribuire fortemente a questo processo di purificazione e di liberazione dalle paure patologiche. Luoghi fisici e luoghi virtuali ospiteranno questa nuova ritualità finalizzata al recupero del benessere personale.

© Lorenzo Pierobon 2020

I templi sotterranei

erano anche luoghi di guarigione e rinascita, in cui entrare col carico dei malanni e uscire rigenerati. Questo processo di purificazione poteva avvenire in vari modi: mediante l’aspersione con acque rese sacre dalla “presenza” del Numen  (Ablutio), il sonno rituale in grotta (Incubatio), o il passaggio per un varco naturale, il cui superamento rappresentava la morte simbolica del vecchio essere umano e la nascita del nuovo. (fonte wikipedia)

Riti eseguiti presso l’Asclepeion

C’erano due passaggi affinché un paziente potesse essere trattato nell’Asclepeion. Il primo dei quali era la fase di catarsi o purificazione. Ciò avveniva quando un paziente si sottoponeva a una serie di bagni e altri metodi di purificazione, come una dieta pulita per alcuni giorni o purificando le proprie emozioni attraverso l’arte. Il paziente quindi faceva un’offerta in denaro o una preghiera al tempio di Asclepio. Il sacerdote del tempio quindi offriva al paziente una preghiera con cui avrebbe alleggerito la mente del paziente e avrebbe creato una prospettiva più positiva per loro.

Successivamente, arrivava l’incubazione o terapia dei sogni. Questo era il processo in cui i pazienti avrebbero passato la notte nel tempio di Esculapio e durante la notte sarebbero stati visitati da un dio. Se il paziente era fortunato, Asclepio stesso lo avrebbe visitato. Il paziente avrebbe quindi ricevuto il trattamento adeguato mentre era in sogno o avrebbe ricevuto istruzioni da Asclepio su quali fossero i passi necessari per curare il disturbo. Se Asclepio non visitava il paziente, quando il paziente si svegliava, raccontava il suo sogno a un sacerdote o ad un interprete dei sogni e a seconda del tipo di sogno avrebbe ricevuto un certo tipo di trattamento. (fonte wikipedia)

INFO

DiLorenzo Pierobon

Lockdown e disturbo post traumatico da stress

 

Un articolo che analizza le possibili  ripercussioni che avrà l’epidemia di covid-19, i danni collaterali non calcolati, lo “tsunami emotivo” che è in corsa per raggiungere le persone che saranno coinvolte . Per far fronte a tutto questo serviranno professionisti che si sono preparati nel silenzio, lontano dai riflettori e dalle dirette televisive, serviranno persone  solide ed equilibrate, consapevoli  e ben preparate nell’arte della “cura”. 

Cosa implementare:

  • Unità di intervento sul territorio, a cui possano essere indirizzate le persone con stress post traumatico
  • Personale addestrato a lavorare con il trauma
  • Informazioni dettagliate e capillari per comunicare che una reazione psicologica allo stress  è NORMALE
  • Siti e app che possano raccogliere le richieste
  • Lista di attesa delle  persone in crisi acuta da prendere in carico in tempi brevi

Lorenzo Pierobon

 

ecco il link  per l’articolo completo in inglese Written by Dr Elke Van Hoof, Professor, health psychology and primary care psychology, Vrije Universiteit Brussel

DiLorenzo Pierobon

REGOLAZIONE POLIVAGALE MUSICOTERAPIA E CANTO ARMONICO

La musicoterapia, la Voce, il suono sono territori vasti che non finiremo mai di esplorare e di conoscere a fondo, ecco perché sono molto importanti la ricerca e la formazione continua. Nel mio percorso professionale ho sempre cercato di inserire competenze tecniche, e conoscenze derivanti da altri settori, a volte da mondi completamente opposti. Questo mi ha permesso di creare un metodo di lavoro molto flessibile e versatile, ma soprattutto multidisciplinare. Il settore di ricerca delle neuroscienze è la nuova frontiera, il contenitore a cui attingere per completare le conoscenze e rimodularle per farle entrare a pieno diritto nel mondo delle terapie artistiche e musicali.

In particolare mi riferisco alla “teoria polivagale”, la quale presuppone che le memorie traumatiche non elaborate, ci impediscono la connessione con gli altri e con il mondo, di sviluppare relazioni sociali sane e appaganti, di vivere in uno stato di completezza e serenità. Le ricerche di Porges, sottolineano come il sistema nervoso legato al nervo vago possa creare una gerarchia di stati diversi a cui corrispondono altrettante reazioni:

dorso vagale ( freezing), simpatico ( fight or flight), ventro vagale (Flow).

Muoversi in maniera fluida attraverso questi tre stati è “il gioco della vita”.

Esistono strumenti che favoriscono la regolazione degli stati e la transizione fluida tra di essi: il respiro, il suono, la musica e la Voce, possono essere a tutto diritto considerati “flow triggers”.

La teoria polivagale chiarisce i meccanismi sottili che sottendono alla musicoterapia e all’utilizzo della Voce in ambito terapeutico, e fornisce risposte scientifiche ai risultati che si ottengono attraverso questi strumenti, in particolare ha fornito una nuova chiave interpretativa ai fenomeni che ho osservato in oltre 20 anni di attività e dato un nuovo impulso alle mie ricerche nel settore.

Ecco perché la Voce, il suono e la musica continueranno ad essere la parte più importante del mio lavoro, in ambito didattico, terapeutico e di ricerca.

©Lorenzo Pierobon 2020

DiLorenzo Pierobon

Il mistero della Voce

Una grotta magica ospita un coro di esploratori della Voce, registrato dal vivo a Putignano (BA) nella grotta di S. Michele durante il workshop di
Lorenzo Pierobon: Vox Ali.

DiLorenzo Pierobon

Le carte della Voce: voice cards 2.0 new release

Nel 2007 nasce il primo mazzo di carte della voce con una impostazione prettamente grafica (qui l’articolo completo).

Oggi presentiamo un nuovo mazzo considerato l’evoluzione delle carte della Voce.
Un mazzo di circa 80 carte divise in sezioni:

CARTE AZIONE
CARTE DILEMMA
CARTE CREATIVITÀ
CARTE VOCE
CARTE AFORISMA

Queste carte possono essere utilizzate in vari ambiti e modalità, sono dedicate ai professionisti della relazione di aiuto, creativi, attori, cantanti, insegnanti di canto. Uno strumento utile per risolvere blocchi creativi/emotivi e indicare nuove strade da percorrere. Il mazzo di carte non è venduto singolarmente ma insieme ad un corso personalizzato di formazione individuale o in piccoli gruppi (max 3 persone, si accede solo attraverso colloquio preventivo) per apprenderne l’utilizzo applicato alla propria professione.
Perchè il corso di formazione? Le carte contengono istruzioni, indicazioni e tecniche derivanti dalla mia ricerca nel settore della didattica e della sperimentazione vocale che necessitano comprensione, approfondimento e pratica costante. Contattatemi in privato per informazioni:
pierobon.lorenzo@gmail.com

© 2019 Lorenzo Pierobon