Progetti musicali d-saFE

Foto Roberta Sotgiu

D-saFE, riformato dalle proprie ceneri nel 2017, si è contestualmente autodefinito un “non-gruppo che suona non-musica per non-ascoltatori”. Barricato dietro questo nonsense è un trio di musicisti che resiste all’attuale dissoluzione della musica, mettendo al centro del proprio lavoro la qualità dell’esecuzione e soprattutto del suono. Definizioni per una performance di improvvisazione totale – fra chitarre inusuali, suggestioni vocali e sperimentazioni elettroniche – non sono facili da trovare: si può suggerire al lettore di immaginare un paesaggio sonoro in continua evoluzione, con rimandi a colonne sonore cinematografiche, alla musica ambient e al pop-rock più progressivo. Ogni esecuzione è totalmente unica nello sviluppo e intonata al particolare spazio che la ospita. Modulata su influenze e ritmi interiori, la musica di d-saFE trova il suo respiro ideale in luoghi insoliti e suggestivi.

Marco Pancaldi: Chitarrista monzese di origini liguri e adolescenza toscana, si forma ascoltando gruppi come King Crimson, Pink Floyd e The Police. Membro fondatore dei Bluvertigo con i quali realizza l’album di esordio Acidi e Basi e il successivo Metallo Non Metallo, lascia la band nel 1996. Collabora in seguito con vari artisti italiani fra cui Alice, Mauro Pagani, Antonella Ruggiero, Nada. Franco Battiato lo coinvolge nel 1998 nella registrazione di Gommalacca, nel ruolo di – Battiato dixit – “chitarrista estremo”. Esperto di suoni ed elettronica, liutaio, progettista per innovativi brand chitarristici, vive di e per la musica, per inseguire la quale negli anni ‘10 del nuovo millennio riporta in attività il progetto d-saFE.

Lorenzo Pierobon: Considerato un cantante “atipico”, esplora la voce in tutte le sue modalità espressive. Ha al suo attivo diversi CD di musica ambient e sperimentale, performances, concerti e spettacoli teatrali che lo hanno visto impegnato come solista, in gruppo e spesso in interazione con altre forme d’arte: danza, teatro, video, musica contemporanea e sperimentale. Musicoperapeuta, è autore del libro Suoni dell’anima. L’essenza nascosta della voce (Edizioni Minerva).

Maurizio Nardini: Musicista, fonico, backliner e guitar-tech, insegnante di tecniche live al CPM Music Institute di Milano, ha lavorato con i più affermati artisti italiani come Vasco Rossi ed Enrico Ruggeri, occupandosi della gestione di differenti aree della produzione live: dalla gestione delle pedaliere alla manutenzione delle chitarre, al mixaggio. Inoltre è anche costruttore e restauratore di strumenti musicali antichi. Per il progetto d-saFE il suo featuring si rivela struttura di sostegno e controllo del suono oltre che fondamentale apporto ritmico.